Torniamo sui binari dello sviluppo Agile con Rails 4 (Parte 2)

Photo Credit: 44833

Torniamo sui binari dello sviluppo Agile con Rails 4 (Parte 2)

Prima delle ferie abbiamo visto perché scegliere Ruby on Rails. Oggi lo installiamo sul nostro sistema Ubuntu/Linux Mint.

RVM

RVM è un acronimo di Ruby Version Manager e ci permette avere varie installazioni di Ruby contemporaneamente nel nostro sistema operativo.

curl -sSL https://get.rvm.io | bash -s stable  

Seguiamo le eventuali indicazioni che ci presenta questo comando. Nel mio caso devo digitare:

source /home/menteora/.rvm/scripts/rvm

Grazie a questo, posso di usare un nuovo comando: rvm. Per gli utenti Ubuntu nel caso in cui il comando non venga riconosciuto seguire questa guida ufficiale.

Guardiamo la versione che abbiamo appena installato:

rvm version

rvm 1.25.30 (stable) by Wayne E. Seguin <wayneeseguin@gmail.com>, 
Michal Papis <mpapis@gmail.com> [https://rvm.io/]

Ruby

Installiamo Ruby:

rvm requirements --autolibs=enable`

Temporaneamente diamo il comando a rvm di scaricarsi le dipendenze con il comando –autolibs=true.

A questo punto se vogliamo installare l’ultima versione di Ruby:

rvm install ruby

Se, invece, desideriamo installare una versione specifica di Ruby:

rvm install 2.1.2

Possiamo anche decidere quale versione di Ruby usare e quale mettere come default, per esempio:

rvm use 2.1.2
rvm --default 2.1.2

Nel nostro caso ne abbiamo installata solo una, non sono necessari questi due comandi. Se volessimo sapere lo stato attuale delle nostre modifiche:

rvm list

rvm rubies
=* ruby-2.1.2 [ x86_64 ]
# => - current
# =* - current && default
#  * - default

oppure possiamo già usare il comando:

ruby -v

ruby 2.1.2p95 (2014-05-08 revision 45877) [x86_64-linux]

Rails

Ora possiamo installare nuove gemme e installare Rails.

gem install rails --no-ri --no-rdoc

Con l’opzione –no-ri –no-rdoc evitiamo di installare la documentazione, visto che è facilmente consultabile via web ed occupa spazio inutile.

Controlliamo la versione appena installata:

rails -v

Rails 4.1.6

Se volessimo aggiornare la versione di rails:

gem update rails

Se vogliamo invece visualizzare le gemme locali:

gem list local rails

*** LOCAL GEMS ***

*** LOCAL GEMS ***

rails (4.1.6)
sprockets-rails (2.1.4)

Anche in questo caso possiamo decidere quale versione usare. Se vogliamo usare una versione specifica di Rails dobbiamo usare questo comando:

rails _4.1.6_ --version

Sicuramente avere la possibilità di installare varie versioni del nostro ambiente di sviluppo è molto efficace, ci permette di essere molto flessibili in fase di sviluppo e questo è sicuramente un altro punto a favore di Rails.

Buon divertimento!

Commenti